Verificare la velocità del tuo sito

Andare veloci

Andare veloci

Ti sarai accorto che ultimamente non sto scrivendo molto, in compenso mi sono dedicato parecchio, forzatamente, ad attività di ottimizzazione dei miei siti.

Con l’avvento di Caffeine, la velocità del sito è diventato un requisito fondamentale per ambire ad una buona posizione su Google.

Verificare la velocità del sito

Ho già recentemente parlato di come rendere più veloce il tuo sito. Purtroppo i suggerimenti indicati in quel post non sono bastati per il mio blog Banca Online che, per circa una settimana è finito nelle ultime pagine di Google: risultato? Visite ridotte al 10% e nessuna proveniente da motori di ricerca.
Dal Webmasters Tools di Google ho riscontrato che il sito era decisamente lento.
Ho fatto ulteriori indagini, servendomi principalmente di due strumenti finalizzati a misurare le prestazioni del sito ed ad inviduare elementi di “disturbo”:

  • Pagespeed – Add-on di firefox che va ad integrare Firebug (prerequisito per l’installazione) e consente di misurare le performance del proprio sito con un punteggio da 1 a 100 ed evidenzia tutte le azioni correttive applicabili per migliorare ulteriormente le prestazioni.
  • Pingdom – utile tool che consente di avere un quadro completo di ciò che pesa e rallenta il proprio sito, fornendo tutta una serie di dati interessanti e non solo la misurazione della velocità.

Grazie a questi tool sono riuscito ad individuare sia sporcizie nel codice, sia ad effettuare un’ulteriore selezione tra i widget installati, eliminando o sostituendo quelli che mi generavano rallentamenti.

Risultati

Dopo questa operazione di pulizia ed ottimizzazione sono riuscito a riportare la velocità di caricamento a valori accettabili.
Il sito Banca Online, dopo una brutta settimana, è rientrato in posizioni più consone in Google (35° posizione per la parola chiave “Banca Online”) con conseguente ripristino nel numero delle visite giornaliere e relativi introiti.
Non posso affermare con certezza che questo saliscendi non sia stato dovuto a “scosse di assestamento” dovute alla partenza di Google Caffeine o se sia effettivamente correlato alle prestazioni del sito (o ad una combinazione dei due fattori), ma reputo comunque che l’attività di ottimizzazione svolta porterà sicuramente benefici a lungo termine nel blog, se i livelli attuali verranno mantenuti nel tempo.

Crediti Fotografici

Ludicrous Speed di DanDeChiaro

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
About The Author

Enrico

Da oltre 10 anni appassionato di Web Marketing, seguo vari progetti con l'obiettivo di generare rendite automatiche: network marketing, internet marketing, trading ed investimenti. Nel poco tempo libero tanto studio, sport, animali domestici (figlia e cane) e tento di passare anche un po’ di tempo con mia moglie, prima che chieda il divorzio :-)

3 Comments

  • Roma

    20 Dicembre 2010

    Ciao e grazie dell’articolo.

    Una piccola curiosità, se hai tempo e mi vuoi rispondere mi fa piacere 😉 :

    Hai scritto che dopo aver riottimizzato il sito per quanto riguarda la sua velocità sei riuscito a ritornare in 4 pagina, ovvero 35° posizione…
    Ed in quel momento le visite da motori di ricerca sono di nuovo salite..

    Mi chiedevo, per una parola chiave così competitiva, riesci comunque ad avere un buon volume di visite pure essendo di fatto in 4° pagina, oppure le visite che ricevi derivano dal tuo buon posizionamento per altre keywords per le quali,suppongo, sei riuscito ad arrivare in prima o seconda pagina?

    Ti scrivo così perchè penso che malgrado molti dei 34 siti prima del tuo non offrino valore, è molto probabile che almeno una metà offra già all’utente quello che cerca e perciò mi risulta difficile comprendere come possa un utente medio arrivare fino alla 4 pagina e cliccare sul tuo sito per trovare quello che cercava…

    Semplice curiosità, null’altro.

    Grazie ancora per il tuo pezzo

    Ciao
    E.

    • Enrico Vignali

      21 Dicembre 2010

      Ciao Emmanuele,
      in realtà quello che ho notato è stata la pressochè totale assenza di visite durante la settimana in cui il sito è scomparso dalle prime 200 posizioni! Oltre che per la parola chiave primaria (Banca Online), anche quelle secondarie erano scese di diverse posizioni.

      Dopo le modifiche, invece, non solo ho ripristinato la situazione precedente, ma, nelle settimane immediatamente successive, il sito è arrivato in prima pagina (dove attualmente è ancora posizionato ed oscilla tra l’ottava e la nona posizione).

      Come ho detto nell’articolo, pur avendo una corrispondenza tra le ottimizzazioni e la ripresa del sito, non posso a priori escludere che la settimana “nera” sia stata dovuta a degli assestamenti di Google dovuti al rilascio di Caffeine.