Aiuto! Mi hanno copiato un post, cosa posso fare?

copia

copia

Ho recentemente letto la disavventura di FabioG3, al quale è stato copiato (tra l’altro con modifica dei link interni contenuti nel post) uno dei suoi post più popolari.

Anche a me è capitato di vedere copiati integralmente dei miei post, a volte con citazione della fonte, altre volte no. Personalmente ho lasciato perdere, ma ho colto l’occasione per informarmi un po’ di più sull’argomento della tutela del diritto d’autore su internet, cui avevo già accennato relativamente a potenziali problematiche legali nel caso in cui tu voglia implementare un autoblog.

Furti famosi

In molti hanno la convinzione che qualsiasi materiale si trovi sul Web sia disponibile per tutti: copiare le immagini, i testi, i filmati diventa, per ignoranza, un’attività normale.

Capita anche a testate giornalistiche famose: negli USA è nato un acceso dibattito in seguito all’articolo pubblicato sul New York Times da Maureen Dowd copiando, senza citare la fonte, dal blog “Talking Points Memo” di Josh Marshall.

Anche in Italia non va meglio, se pensate che il Corriere della Sera ha dovuto porgere le sue scuse a PaulTheWineGuy dopo aver utilizzato le sue foto, citando genericamente Flickr.com e senza riconoscere, di fatto, il merito all’autore.

Diritti dell’autore

Quali sono dunque i diritti dell’autore di un Blog nel momento in cui scrive e pubblica un nuovo articolo, dopo aver dedicato tempo nella ricerca, impegno per cercare le migliori parole chiave ed ottimizzare l’articolo?

Testi, scritti, articoli, e-mail – Ogni forma di testo, anche breve, é tutelata dalla normativa sul diritto d’autore e non può essere copiata, riprodotta (anche in altri formati o su supporti diversi), nè tantomeno é possibile appropriarsi della sua paternità. L’unica eccezione prevista dalla legge (art. 70 l. 633/41) é quella di consentire il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie (ma non l’intera opera, o una parte compiuta di essa) a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, purchè vengano citati l’autore e la fonte, e non si agisca a scopo di lucro, sempre che tali citazioni non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera stessa. Solo in questa particolare ipotesi si può agire senza il consenso dell’autore.

Qualsiasi testo originale, che abbia il carattere minimo di creatività é dunque protetto di diritto, senza bisogno di particolari adempimenti o avvertenze, pure se espresso in forma orale (ad es. la fonoregistrazione di un’opera di teatro).

Nessun limite di legge sussiste invece per la riproduzione di testi di autori morti da oltre settant’anni.

Si deve comunque considerare che pure gli scritti dal carattere non specificatamente creativo (ma divulgativo, comunicativo, informativo), che vengono trasmessi attraverso la rete, beneficiano di tutela giuridica. E’ il caso ad esempio delle E-MAIL, che, rappresentando una forma di corrispondenza, sono sottoposte al divieto di rivelazione, violazione, sottrazione, soppressione previsto dagli artt. 616 e 618 del codice penale. [Fonte: Dottrina Informatica]

Tu in quanto blogger sei dunque tutelato: i tuoi articoli, se riutilizzati, devono essere a te attribuiti, mediante citazione della fonte. Da notare che il riutilizzo integrale non è concesso, a meno che non sia tu stesso a consentirlo, ad esempio aderendo alla CC.

Commerciale o Non Commerciale?

In molti casi la riproduzione, anche se a volte solo parziale, può essere consentita se non è presente uno scopo commerciale.

Non mi è però ben chiaro entro quali  limiti rientri la definizione di attività commerciale.

Se un mio post viene copiato da un altro blog, ipotizziamo un blog personale, quindi con finalità ludico-divulgativa, e nel corpo del post sono inseriti 3 annunci di AdSense ed alcuni banner pubblicitari?

Sarebbe da considerarsi attività commerciale?

E se per caso quel post si posizionasse meglio del mio su delle parole chiave strategiche?

Non ci sarebbe in questo caso concorrenza diretta e sleale?

Se poi il blog in questione utilizzasse gli stessi programmi di affiliazione che utilizzo io ed ottenesse delle vendite grazie alle visite provenienti dai motori di ricerca?

Considerazioni Personali

Non sono un avvocato, nè tantomeno laureato in legge, ma, chiaramente, mi sono fatto una mia idea personale.
Cerco di esportela in maniera sintetica:

  1. Su internet è molto facile ci siano copiature o plagi;
  2. La tua opera è tutelata dalla legge, ma, nella pratica, può essere difficile dimostrare la paternità;
  3. Anche dimostrando la paternità, non so se vale la pena intraprendere azioni legali [costi da anticipare, tempi lunghi e risultato incerto];
  4. il migliore risultato che si può ottenere, in termine di tempo perso e risultati ottenuti, è probabilmente quello di ottenere la rimozione o un link, contattando l’autore della copia e dimostrargli che non sei uno sprovveduto;
  5. Si può provare ad adottare delle tattiche per monetizzare i contenuti duplicati e ripubblicati da altri siti senza autorizzazione.
  6. se proprio vuoi metterti in guerra, assumi un avvocato specialista del settore o, meglio ancora, dei settori, dato che si parla sia di Copyright che di Internet!

PS: dimenticavo! Se proprio smani dalla voglia di rovinarti il fegato scoprendo chi copia i tuoi articoli, iscriviti al servizio gratuito di FairShare.

Linkografia

Diritto al riconoscimento della paternità dell’Opera (da leggere assolutamente per chiarirsi le idee)

Tutela diritto d’autore su Internet

Copyright Explained (fortemente incentrato sulla legislazione U.S.A. ma veramente molto dettagliato)

Copyright dei video online (incentrato sui video, ma con molte analogie anche al blog in generale)

Articoli copiati dal proprio Blog: come risolvere il problema (approccio SEO)

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
About The Author

Enrico

Da oltre 10 anni appassionato di Web Marketing, seguo vari progetti con l'obiettivo di generare rendite automatiche: network marketing, internet marketing, trading ed investimenti. Nel poco tempo libero tanto studio, sport, animali domestici (figlia e cane) e tento di passare anche un po’ di tempo con mia moglie, prima che chieda il divorzio :-)

13 Comments

  • Carlo

    22 Maggio 2009

    Ciao Chicco,
    purtroppo il problema dei post plagio è una “piaga” davvero troppo ricorrente. Per il discorso attività economica, NON COMMERCIALE in soldoni significa NON A SCOPO DI LUCRO, e se hai AdSense o qualsiasi altra cosa che generi $/€ e siamo davanti ad una licenza creative tipo la tua, NON possiamo utilizzare il post specifico, o parte di esso.

    In molti tentano tuttora di denocciolare la dicitura non commerciale, sperando di incorrere in qualche cavillo per tentare di aggirare il problema, ma a quanto pare senza risultati…

    Ciao!

  • Spippolatore

    22 Maggio 2009

    Devo chiarirmi bene le idee per quanto riguarda le immagini. Per quanto riguarda i testi non ho problemi, non li copio e sono tranquillo, anzi se scrivo di unrgomento cito la fonte da cui ne sono venuto a conoscenza, anche se in realtà poi l’articolo è creato elaborato e approfondito da me. Come dicevo però i problemi nascono con le immagini. Nelle recensioni e guide di programmi uso sempre screenshot fatti da me ma capita pero di dover usare altre immagini nei post e quindi di cercarle qua e la nel web……come fare per essere sicuri di non violare diritti d autore? Spesso non è possibile risalire a chi è il “padre” dell’immagine….devo informarmi….te come ti comporti?
    Ciao a presto, inutile dire che i tuoi post sono sempre interessantissimi.

  • @Carlo – @Carlo
    Grazie del contributo.
    Penso si possa dibattere a lungo sul significato di uso commerciale.
    Ad esempio: nel mio blog ci sono le pubblicità e la proposta di acquisto prodotti con commissioni. Può essere tranquillamente catalogato come commerciale.

    Ma se i proventi del blog fossero riutilizzati solo per autosostentamento e per migliorare il blog (miglior provider, server più potente, etc.)?

    Sono stato da poco all’ospedale Rizzoli: all’interno delle sale sono esposte pubblicità di ditte private (Farmacie, Ditte di supporto anziani, etc.) e sotto la dicitura “I proventi di questa pubblicità saranno utilizzati per migliorare le infrastrutture”.

    Il sito di un’associazione no profit, anche se avesse adsense al suo interno, non può essere a mio giudizio considerato commerciale.

    Poi c’è sempre da ricordarsi una cosa: una cosa è la teoria, un’altra l’interpretazione di un tribunale.

  • @Spippolatore – Per le immagini valgono le stesse considerazioni fatte nel post.

    Ti sconsiglio di prendere immagini da altri siti perchè non sai da dove loro le abbiano prese e non puoi citare la fonte originale.

    La cosa migliore è cercare su Flickr [o su altri siti similari] ed osservare attentamente le licenze delle immagini che vorresti prendere.

    Su flickr, nella sezione “Esplora”, puoi addirittura navigare per tipologia di licenza [il che è molto comodo].

    Per ulteriori approfondimenti ti rimando a questo post che fa una buona analisi dell’argomento:

    Dove trovare immagini gratis

  • Carlo

    23 Maggio 2009

    @Chicco
    Purtroppo la legge italiana è comunque poco chiara in generale su queste tipologie di argomenti, e per la gioia di tutti si presta fortemente a interpretazioni che arricchiscono soprattutto gli avvocati! Il problema è che se il tuo blog è nato per conto e nome di una onlus e/o simili allora avresti ragione, solo che nel caso di un blog di un privato, non è possibile quantificare a priori se il tuo guadagno sia completamente reinvestito in infrastrutture… e se guadagnassi 100.000 euro? Dovresti comprarti un pezzetto di Aruba… 😉

    Se utilizzi pubblicità in via continuativa sulle tue pagine, e AdSense è 365/365 7/7 e 24/24 non ti puoi che non configurare come impresa commerciale, soggetta agli obblighi di legge ecc.. ecc…

    Invece per le foto ti metto la pulce nell’orecchio?
    Anche io mi servo di Flickr per le immagini, soprattutto quelle con licenza di attribuzione, cito il nome ed il link dell’autore e dvrei essere a posto.
    Domanda: e se l’autore domani cambiasse il tipo di licenza come ci dovremmo comportare? E’ impensabile controllare periodicamente tutte le licenze di ogni nostra foto… ?

    Ciaooooo

    • Ciao Carlo,
      grazie al supporto del forum di AlVerde, ho la risposta alla tua “pulce nell’orecchio”.

      Direttamente dalle FAQ del Creative Commons:
      Creative Commons licenses are non-revocable. This means that you cannot stop someone, who has obtained your work under a Creative Commons license, from using the work according to that license. You can stop distributing your work under a Creative Commons license at any time you wish; but this will not withdraw any copies of your work that already exist under a Creative Commons license from circulation, be they verbatim copies, copies included in collective works and/or adaptations of your work. So you need to think carefully when choosing a Creative Commons license to make sure that you are happy for people to be using your work consistent with the terms of the license, even if you later stop distributing your work.

  • Carlo

    10 Giugno 2009

    Davvero interessante!!!
    Ottimo questa parte delle FAQ mi era sfuggita, essendomi concentrato su altri aspetti… perfetto questa soluzione è molto importante anche per le opere future, modificate e ridistribuite… grazie Enrico, come sempre molto proficuo 😉

  • emanuele orlovich impresa

    16 Novembre 2009

    AIUTO! Molti miei colleghi mi stanno copiando i miei post di sana pianta, ho scritto la mia licenza cc, ma non serve copiano uguale, cosa poso fare ?

  • @emanuele orlovich impresa – Ciao Emanuele, benvenuto in GuadagnoSuInternet.Com.

    Prova a contattare via mail il responsabile del sito segnalando che stanno copiando del materiale soggetto a copyright non rispettando le condizioni di licenza.

    Nel caso in cui non ottenga risultati, scrivi una mail al loro provider (puoi risalire ad esso attraverso il whois) segnalando la violazione.

  • Smart

    13 Gennaio 2010

    Grazie!
    Davvero utile questo tuo articolo.
    Ho appena scoperto che un aggregatore di notizie ha pubblicato per intero un mio post, senza mia autorizzazione.
    Ho notato anche che al momento, l’articolo copiato è posizionato meglio del mio originale.
    Inoltre, solo il mio post è stato pubblicato per intero. Per gli altri, si è limitato soltanto a fare un breve riassunto.
    Proverò a inviare una mail al gestore.
    Grazie.

  • @Smart – Ciao e benvenuto su GuadagnoSuInternet.Com

    Sono contento di esserti stato utile! 🙂

    E’ molto strano che un aggregatore ti abbia copiato integralmente, comunque, se la cosa può consolarti è abbasta normale che un aggregatore sia posizionato meglio di te inizialmente, ma dopo un po’ di tempo l’articolo dell’aggregatore inizierà a perdere posizioni ed il tuo tornerà ad avere il giusto rilievo.